Categorie
Scienza Sveglia

Opinioni vs Realtà

Robot e Umano si incontrano…

Robot: “Ciao, 1+1= 10”

Umano: “Ehm, no! 1+1=2”

Robot: “Guarda, secondo me il risultato è 10, non ci sono dubbi!”

L’Umano si informa e poi chiede al Robot: “Ma tu conti in binario?”

Robot: “Sì certo, perché tu no?”

Risponde l’Umano: “No, dalle mie parti si conta in decimale, ma ho capito il tuo modo di contare..”

Robot sorridendo: “Chiaro, non ci avevo pensato, abbiamo ragione entrambi perché contiamo con due sistemi differenti, tu in base umana, io in potenze di 2 come ogni sistema informatico.”

Si avvicina un’altra figura umana, l’Analfabeta Funzionale, che li guarda e dice con sicurezza: “Ciao a tutti, ho sentito le vostre opinioni, ma per me 1+1=58!”

Robot e Umano insieme: “Ma in che base conti?”

Analfabeta Funzionale: “La mia, che ovviamente è come la vostra ma non mainstream.”

Robot e Umano guardano l’Analfabeta Funzionale:”Aspetta, non abbiamo capito. Comunque ti stai sbagliando perché né in decimale né in binario 1+2=58!”

Analfabeta Funzionale: “È la mia opinione e quindi dovete rispettarla, non potete togliermi la libertà e controllarmi.”

Robot: “Ma la matematica non ha niente a che fare con la libertà di opinione.”

Analfabeta Funzionale: “E chi lo ha detto?”

Umano: “Non serve dirlo, chiunque si metta a studiarla non può che rendersene conto.”

Analfabeta Funzionale: “A me non interessa studiare la matematica, ad anche se non la conosco, nessuno mi può impedire di esprimere le mie opinioni a riguardo.”

Umano: “Stai scherzando?”

Analfabeta Funzionale: “No! Sono serio, per me 1+2=58!”

Umano: “Ma non ti stai basando su nessuna base matematica e scientifica, vero?”

Analfabeta Funzionale: “Esatto la mia opinione scientifica è contro il sistema, prima o poi qualcuno mi darà ragione! Lo griderò al vento e lo scriverò ovunque finché sui libri di scuola non ci sarà più la matematica, che tanto non serve a nulla!”

Robot e Umano, sorridendo, prendono a sprangate l’Analfabeta Funzionale lasciandolo sanguinante a terra. Da quel giorno utilizzerà anche lui il sistema decimale come tutti gli esseri umani e prima di aprire bocca si informerà da fonti attendibili.

Morale della favola:
Le opinioni hanno una base.
Chi sparla a vanvera ha diritto di esprimere falsità ma deve saper accettare l’evidenza dei fatti e ritrattare, altrimenti prima poi dovrà affrontare le conseguenze dei propri errori.

Categorie
Sveglia

La colpa dei vaccini…

vaccini_18411
È vero, è colpa dei vaccini stessi se adesso tutti sono contro le vaccinazioni.
In particolare i vaccini hanno un’unica colpa: FUNZIONANO.
Infatti non essendo più abituati a piangere morti o invalidità per morbillo, vaiolo, difterite o poliomielite, le persone hanno dimenticato la loro reale utilità.
Dando per scontato qualcosa di guadagnato con sforzi decennali, ora per i disinformati non esiste più la possibilità di comprendere il reale rapporto tra rischi e benefici.
Ma la cosa più triste è che una crociata di bufale, false notizie ed indignazione ad ampio spettro generale, potrebbe sfociare in qualcosa di realmente pericoloso per le generazioni future e per gli immunodepressi.
E purtroppo se la gente continuerà ad agire in modo oggettivamente stupido torneremo a piangere per il lutto e per il rimorso.
Mi rendo perfettamente conto che questo discorso sia totalmente inutile, perché sono davvero davvero poche le persone che fanno il minimo sforzo di informarsi SERIAMENTE. È più semplice condividere un video che leggersi qualche fonte bibliografica, ma è anche un modo pessimo e superficiale di giocare con la vita altrui.
Approfondimenti:
Articolo (estremamente dettagliato e ricco di fonti): InfoVac.ch Efficacia Vaccini
Video Facebook (ironico), per lasciarvi con un sorriso e magari la voglia di informarvi:

Categorie
Scienza Sveglia

Repost da “Non si sevizia un Paperino

Pensavo di scrivere un articolo a riguardo, ma grazie al cielo ci sono altre persone che usano quel gran dono che è l’intelligenza.

non si sevizia un paperino

collodipapero

La settimana scorsa ci sono stati diversi commenti un po’ pepati perché, in un articolo che parlava di tutt’altro, abbiamo citato la questione vaccini. Se posti la parola “vaccino” su Facebook, non importa se inserita in un contenuto che verte su altri argomenti, scatenerai orde di commentatori monotematici, un po’ come se parli di veganesimo, se auguri “buon natale” sul gruppo Facebook dell’UAAR o se posti il nuovo logo della Juventus.

View original post 2.213 altre parole

Categorie
Sveglia

Distopia e Stupidità Volontaria

distopia

Matrix, Hunger Games, The Giver, 3%, the 100, Divergent, Arancia Meccanica, Io Sono Leggenda, V for Vendetta, Cell, Maze Runner, Mad Max, Terminator , l’Esercito delle 12 Scimmie

Cosa hanno in comune queste opere?

La DISTOPIA.

Vale a dire una proiezione di una realtà opposta a quella auspicabile, in cui tutto o quasi è negativo, generalmente basata su di un mondo post apocalittico.

Lo sapete perché fanno così tante serie, libri e film in cui la razza umana sopravvive per miracolo dopo una catastrofe?
Perché la stragrande maggioranza dell’umanità è così stupida da meritare l’estinzione.

Troppo drastico? Cinico? Guardatevi intorno, nessuno cura la propria mente, ci avveleniamo ogni giorno, dimentichiamo ogni lezione utile, crediamo non in base alla verità ma in funzione della simpatia. Nessuno si informa più, ma tutti si disinformano con i social media.

Sto generalizzando, è vero, ma quando la percentuale di persone che coscientemente decide di comportarsi in modo stupido è così alta direi che parlare di tutti, anche se statisticamente errato, possa essere comunque perdonato.

E mi piange il cuore ascoltare persone che credono nelle favole più assurde, a storie false facilmente verificabili, che si ostinano a bruciare le loro capacità cognitive.

Con una mia cliente, che potrei già definire amica, abbiamo parlato dell’intelligenza e di quanto chi sia sopra la media si possa sentire solo.

È una grande verità che purtroppo poche centinaia di persone al mondo possono capire appieno, magari tu potresti pensare di comprendere le sensazioni di che vede errori, imprecisioni e lentezza in tutto ciò che lo circonda, ma in realtà non ne hai idea, perché statisticamente in Italia non ci sono altre persone che possono veramente vedere la direzione che la gente comune sta prendendo: del suicidio sanitario ed intellettivo che lentamente stanno praticando, condannando familiari, amici ed ahimè figli.

Se anche tu sei attento a ciò che accade intorno a te saprai di cosa sto parlando.

Altrimenti ti auguro con tutto il cuore di aprire gli occhi e guardare dove stai andando, perché nessuno può salvare la tua intelligenza se non te.

F.